Qual è la storia della società di pagamenti Worldline?

Qual è la storia della società di pagamenti Worldline?

Nel settore dei servizi di pagamento e delle transazioni finanziarie, il gruppo francese Worldline è oggi leader di mercato in Europa e quarto nel mondo. Come si è arrivati a questo risultato? Come si presenta la crescita di questa azienda nel corso degli anni?

I primi anni con merito sulla Carte Bleue

Worldline ha iniziato con il nome di Sligos nel 1972 ed è fortemente legato alla nascita della Carte Bleue, la classica carta di debito francese dei decenni successivi. Si trattava della fusione di Cegos Informatique (esistente dal 1962) e Sliga (la società di elaborazione dati del Crédit Lyonnais dal 1970) in una nuova società di pagamenti, sempre controllata da una delle più grandi banche francesi, il Crédit Lyonnais. La Landesbank of France fece da mentore a Sligos per sviluppare i processi di pagamento per la Carte Bleue, e non molto tempo dopo, nel 1975, Sligos stava elaborando 2,5 milioni di operazioni di pagamento all’anno. Nel 1980, questi erano saliti a 30 milioni all’anno; la carta di credito era diventata ampiamente accettata. Negli anni ’80, Sligos sfruttò lo sviluppo del microchip e introdusse le transazioni di pagamento con carte “intelligenti” che utilizzavano numeri di pin per l’autorizzazione, inaugurando il graduale declino del processo che prevedeva la lettura della banda magnetica e una firma manuale. Alla fine del decennio erano state emesse 50 milioni di carte bancarie del tipo nazionale ‘Carte Bleue’. In linea di principio, questo ha segnato l’accettazione a livello nazionale di un mezzo di pagamento elettronico in Francia. La Francia è stata all’avanguardia nella diffusione delle smart card in Europa. Ma è stato solo nel 2003 che le Cartes Bleues hanno guadagnato un uso oltre i confini nazionali con l’allineamento allo standard internazionale EMV. Nel 2010, sono scomparsi a favore di Visa.

Espansione all’estero e fusione con Axime per formare Atos

Negli anni ’90, Sligos (poi Worldline) iniziò ad espandersi oltre i confini della Francia, acquisendo la società britannica Signet nel 1991. Ci furono ulteriori acquisizioni in Germania (Gruppo Marben), Italia e Spagna fino alla metà degli anni ’90. Durante un periodo di ristrutturazione e di vendita di sottodivisioni, come quella della produzione di smart card, il prossimo grande evento nella storia di Sligos avvenne quando, su suggerimento del suo concorrente Axime, si fuse con quest’ultimo nel 1996. Con il suo precedente nome Sodinforg (prima del 1993), Axime era diventato il terzo sviluppatore di sistemi di pagamento con smart card in Francia. Axime aveva anche visto un aumento costante nei pagamenti elettronici attraverso l’acquisizione di altre aziende simili a Sligos, ma questo non sarà di interesse qui. Axime si è fatta un nome soprattutto nel settore della borsa con software e sistemi elettronici. Dopo la fusione, Sligos e Axime hanno operato sotto il nome di Atos dal settembre 1997.

Con il nome Atos in cima al continente

La fusione è stata immediatamente seguita da un’ulteriore riorganizzazione, con la creazione di quattro divisioni chiave: Servizi, multimedia, outsourcing e integrazione di sistemi. Le divisioni che non rientravano in queste quattro divisioni sono state dismesse. Queste includevano aziende per la vendita di hardware per computer, marketing diretto, sviluppo di software per l’interconnessione della rete. Sesam (Italia) è stata acquisita, e un’altra grande fusione ha trasformato Atos in Atos Origin dopo l’acquisizione di Origin (proveniente da Royal Philips Electronics) nel 2000. Ora il gruppo potrebbe affermare di essere il numero 3 tra tutte le aziende IT in Europa, con un fatturato annuo di 2,8 miliardi di euro in quel momento. A quel tempo, c’era una tendenza a combinare l’integrazione dei sistemi con i servizi di consulenza. Nel 2002, KPMG Consulting, con le sue attività nel Regno Unito e nei Paesi Bassi, è stata integrata nel gruppo. Un affare importante nei Paesi Bassi nello stesso anno fu l’acquisizione di quasi tutte le operazioni IT di KPN, per l’equivalente di un miliardo di euro. Alla fine del 2003, Atos Origin ha assunto la proprietà di SchlumbergerSema, il principale fornitore di servizi IT per l’industria petrolifera. Questo doveva essere un apriporta per la penetrazione nel mercato cinese, poiché SchlumbergerSema portò con sé importanti contratti di supporto, in particolare con sei delle dieci banche cinesi esistenti che emettevano carte di credito. Su questa base, Atos Origin ha pianificato di espandersi ulteriormente in Cina e quadruplicare le sue operazioni lì entro il 2006. Nel 2004, il nome Worldline è apparso per la prima volta quando Atos ha creato una nuova divisione per i suoi servizi di pagamento e online, chiamata Atos Worldline.

Atos Worldline cresce verso l’autonomia

Due società belghe sono passate sotto la proprietà di Atos Worldline nel 2006 – Banksys e BCC. Il primo era responsabile della sicurezza dei pagamenti elettronici in Belgio, il secondo regolava i sistemi di pagamento per Visa e MasterCard in Belgio. Questo accordo ha avuto un fatturato di 309 milioni di euro. L’amministratore delegato Bernard Bourigeaud, che era stato al timone di Atos fin dai tempi di Axime, ha ceduto le redini nell’autunno 2007 a Philippe Germond, che ha tenuto la posizione fino al 2008, quando ha lasciato il posto a Thierry Breton (fino al 2019, ora commissario europeo per il mercato interno). Dall’India, Atos Worldwide ha ricevuto Venture Infotek, che gestisce i processi di pagamento tra commercianti, banche e amministrazione di quel paese, per 100 milioni di euro nel 2010. L’anno seguente, la divisione dei servizi IT della Siemens si è unita ad Atos Worldline, seguita nel 2012 dalla Quality Equipment, una società olandese di pagamenti elettronici. Nel 2013, Thierry Breton ha trovato Worldline così importante che le è stata data più autonomia all’interno di Atos, mentre la società madre Atos Origin è rimasta azionista al 100% di questa filiale scorporata Worldline.

Scissione da Atos e fasi finali della crescita

Gli sforzi per una costante espansione sono continuati sotto l’ultimo nome: ancora una volta una società olandese è stata l’obiettivo di un’acquisizione; Equens si è unita a Worldline nel novembre 2015, anche se nella prima fase solo poco meno del 64% della nuova equensWorldline era di proprietà della stessa Worldline. Nell’estate del 2017, la svedese Digital River World Payments è entrata in possesso dei francesi di Bezons, sede di Worldline alla periferia di Parigi, per 37 milioni di dollari. Poi First Data Baltics dalla Lituania è stata assorbita per 73 milioni di euro. Tuttavia, queste acquisizioni impallidiscono prima del successivo acquisto di SIX Payment Services, il braccio dei servizi di pagamento della borsa svizzera, che valeva 2,3 miliardi di euro per Worldline. Si dice che questa transazione nel maggio 2018 abbia aumentato le entrate di Worldline del 30%. L’anno seguente, Worldline è diventata completamente indipendente dal gruppo madre Atos, la cui partecipazione è scesa al 27%, rimpastando il suo azionariato. Le ultime grandi acquisizioni sono state Ingenico, il leader mondiale nella produzione di dispositivi per i pagamenti elettronici (febbraio 2020) e il fornitore di servizi di pagamento online dell’Europa orientale GoPay (aprile 2020). Lo dimostra anche l’analisi delle azioni di Worldline. L’attuale amministratore delegato Gilles Grapinet sta cercando da maggio 2020 di realizzare un’alleanza dei principali gruppi di fornitori di servizi di pagamento digitale europei formando l’organizzazione ombrello EDPIA, di cui è anche diventato il presidente fondatore. Attualmente, le attività di Worldline sono divise in Merchant Services, Terminals Solutions Services, Financial Services e Mobility e-Transactional Services. Nel 2018, i servizi finanziari hanno rappresentato poco più del 42% delle entrate, quasi la metà.

Source: Worldline 
Photo by Jonas Leupe on Unsplash 

Comments are closed.